29/9/2019 SARNICO (BS)

 “Ventinove settembre dueamiladiciannove” sarà una data che rimarrà a lungo scolpita nella mente degli abitanti del comune di Sarnico sulla sponda del Sebino, letteralmente invasa da centinaia di ladies biker, cinquecento per l’esattezza con un coinvolgimento di oltre quattrocento moto, rigorosamente Harley-Davidson. Dopo la prima esperienza dell’anno scorso, le “cattive ragazze in H-D” alzano il tiro e promuovono un National Run tutto al femminile, grazie al gioco di squadra delle LOH di dieci chapter lombardi e il supporto di H-D Italia. Tutto questo lavoro non avrebbe senso se non ci fosse un obiettivo su cui convergere, individuato in una raccolta fondi a favore della fondazione “ Umberto Veronesi” a sostegno della ricerca scientifica contro i tumori femminili.

Il Villaggio Costa Verde fa da punto logistico per la sistemazione delle partecipanti al run che arrivano di sabato, mentre il gruppo delle Road Captain prova le rifiniture nell’ultimo giro di ricognizione sul percorso, con l’immancabile tappa in una rinomata cantina di cui è ricca la Franciacorta. La serata termina con un dinner alla discoteca Scacco Matto.

Domenica è il grande giorno, vi confesso che cinquecento ragazze biker tutte insieme in una volta sola neanche nel migliore dei miei sogni dopo il quinto giro di birre le ho mai immaginate, una specie di “ otto marzo” motociclistico pressa poco.

Domenica ci siamo, la piazza è riservata solo alle moto delle ragazze, noi uomini con l’orgoglio ferito siamo costretti a parcheggiare i nostri ferri in un desolato parcheggio tra scooter e biciclette da corsa, un mezzo incubo, ma ci sta, oggi le protagoniste sono loro e se lo meritano per il lungo lavoro svolto dal direttivo organizzatore dei dieci chapter.

In pratica sono intervenute le ladies della quasi totalità dei chapter italiani, non vorrei dimenticare nessuno, ma oltre a quelli coinvolti neIl’organizzazione ho visto rappresentanze del Bari, del Quattromori dalla sardegna, del Perugia, del Firenze, Genova, Bologna, Vesuvio, Portofino, Treviso, Tirreno,Torino, Riccione e mi scuso con quelli che ho dimenticato. Il colpo d’occhio è incredibile, fiere sulle loro moto con dei sorrisi smaglianti fanno l’ingresso alla spicciolata o a gruppi nella piazzetta, per la verità qualche piccolo imbarazzo nei parcheggio a “ marcia indietro” si è notato, ma con bestioni da 400kg ho visto maschietti, me compreso, fare dei numeri da circo da codice rosso.

L’allineamento per un run provoca sempre una scarica di adrenalina, in questo caso vissuto per la prima volta da spettatore, ancora di più. Il corteo di moto è interminabile e si snoda su un bel percorso nella Franciacorta, tra vigneti e dolci saliscendi, le road captain sono impeccabili, chiudono ogni incrocio e rotonda, il serpentone viaggia spedito e compatto e dopo una bella oretta di viaggio approda al ristorante Pio IX dove finalmente tutte le ragazze possono rifocillarsi e congratularsi per l’ottima riuscita dell’iniziativa.

Testo e foto: Corrado RdT. 

VUOI PARLARE CON NOI?

  • +39.330.76.48.40

Copyright © 2019. All Rights Reserved.

X
Add to cart