CASSIOPEA BONES by Paolo Ovada

Tra tutte le persone che ho potuto incontrare in questi anni Paolo, devo dire, è l’unica che con disarmante sincerità ammette candidamente di non essere un appassionato di moto. Già, a lui piacciono solamente le Harley. Dopo una breve parentesi con uno Sporty, comprato con mille sacrifici e sette lavori diversi durante gli anni dell’università, capisce che non è esattamente la moto che fa per lui.
Finalmente i tempi sono maturi ed anche per lui è arrivato il momento di fare sul serio. Cassiopea, così l’ha chiamata il nostro Paolo, è una Cross Bones del 2009, che acquista nuova per la soddisfazione di poter aver una moto che nessuno aveva mai potuto guidare.
L’inverno si sa è sempre troppo lungo per chi abita al nord, Paolo nonostante non sia un esperto di meccanica, si cimenta in alcuni lavori per migliorare, o semplicemente per customizzare la sua Cassiopea. Si parte con un semplice paramotore, tanto per prendere un po’ di confidenza con le chiavi in pollici, per passare a qualcosa di più impegnativo: l’eliminazione dell’iniezione e il passaggio a un kit Mikuni HSR 42 a carburatore.
Anche la parte estetica viene passata in rassegna da Paolo. Via il parafango posteriore al suo posto arriva quello di un Fat Boy, mentre davanti opta per uno della Custom Chrome. Il faro posteriore è stato espiantato da una vespa 125 di suo padre, il riposizionamento della targa è stato possibile grazie ad una piastra di alluminio home made by Paolo Ovada.
Per la verniciatura ci si affida a uno dei migliori sulla piazza, Custom Design, che su una base nera disegna sul serbatoio delle bellissime fiamme in flake rosso impreziosite da contorni in filetti d’oro. Gli stemmi d’argento sul serbatoio sono opera di un artigiano della zona.
Qualche perplessità arriva dalla sella, realizzata anch’essa da Paolo, che fortunatamente rimane nascosta quando ci è seduto sopra. Il nostro consiglio per il futuro sarebbe quello di ripensarla un attimo, magari affidandosi a qualche bravo artigiano del settore.
Paolo si definisce un motociclista atipico, non beve birra in quantità industriale, per lavoro vende Madonne d’argento ed è fidanzato dall’età di diciassette anni con la stessa ragazza, il classico bravo ragazzo dalla faccia pulita e onesta. In pratica la fotocopia al negativo di Billy Lane.
Ringraziamo Paolo per la cortesia e disponibilità. Come vedete non bisogna necessariamente effettuare delle modifiche da sogno per essere soddisfatti della propria moto. Chissà quali altre modifiche riceverà nel lungo inverno del nord la nostra Cassiopea?

Testo e foto: Corrado




^