50th by MORI MOTO


La moto che andiamo a presentare l’ho scoperta quasi per caso, una mattina mentre passavo frettolosamente da Castelverde in provincia di Cremona, la strada che solitamente faccio per andare al Motorock. Lunga fu infatti la frenata che tirai nel vedere quel piccolo bobberino in bella mostra nel parcheggio esterno dell’officina Cremonese.
Conosco personalmente il signor Mori da diversi anni e so bene come la pensa su determinati argomenti e su alcuni tipi di motociclette sopratutto, belle come abiti d’alta moda, ma che difficilmente poi si vedono circolare nella realtà di tutti i giorni.
Quindi regola aurea numero uno non pronunciate mai la parola Bike Show in sua presenza. Chiarito questo dettaglio di non poco conto, ci si accorge di avere a che fare con una persona che ama e vive la moto a 360°, nel luminoso show room di Mori Moto potrete trovarne di tutti i colori e marche: KTM, Benelli storiche, MV Augusta, che lui raccoglie in giro e che amorevolmente fa tornare al loro antico splendore.
Candidamente mi confessa, fosse anche un’Ape Piaggio, se c’è un problema su un motore non si da pace finché non lo ha sistemato.
La moto che ha attirato la mia attenzione è, come vi dicevo, un bobberino su meccanica H-D, Ironhead del ’73, che un cliente consegna a Mori Moto per una preparazione in stile retrò. Spogliata completamente si decide di utilizzare un telaio rigido Wishbone, che rimane grezzo ma lucidato con strati di trasparente, mentre il motore è portato a 1.200cc. sostituendone anche i pistoni con quelli della Wiseco, per la forcella si preferisce quella originale di un WLA del '45.
L’impianto frenante a disco è una necessità dovuta alla sicurezza che si vuol conferire al mezzo, che pur non essendo tipicamente una moto da sparo, cerca di garantire quel minimo di frenata impensabile con dei vecchi tamburo dell’epoca. Attenta è stata la scelta estetica di Mori nel voler mantenere inalterato il diametro che aveva con i tamburi anche per i dischi, cercando di non stravolgere il progetto di base cui il mezzo si sarebbe dovuto ispirare.
Anteriormente viene montato un Perfomance Machine a doppio pistonicino, dietro un disco corona della Tollle. Completano la ciclistica delle gomme Avon old style e dei cerchi che provengono da un FLH 1.200.
Molto impegno e lavoro è stato necessario per i fender. Il posteriore in particolare è stato modificato e reso portante, mentre l’anteriore con un piccolo colpo ad effetto, dopo essere stato tagliato a metà e assottigliato, viene abbassato a filo ruota, un po’ la nota dolente di tutti i parafanghi delle springer solitamente piuttosto alti per la verità.
Ma non c’è solo Mori senior dietro al lavoro su questa moto, importante l’apporto del figlio Michele, braccio destro nell’attività di famiglia, è lui l’harleysta di casa Mori.
La prova su strada ha evidenziato la caratteristica che un po’ tutti ci aspettavamo. La guida risulta essere un po’ impegnativa e bisogna farci la mano, è una moto per andature tranquille in fondo. Per godersi la strada e il panorama della campagna Cremonese quello che c’è basta e avanza.
MORI MOTO - Via Bergamo, 47 - CASTELVERDE (CR)
Tel. 0372/429087 e-mail: info@morimotocremona.it

*** SCHEDA TECNICA ***
Nome: 50th
FORCELLA
Costruttore: Mori Moto
Costruttore: H-D WLA del 1942
MOTORE
Tipo: Springer
Tipo: H-D Ironhead
RUOTA ANTERIORE
Anno: 1973
Cerchio: H-D FLH
Cilindrata: 1200 cc
Pneumatico: Avon 5.00/16
Pistoni: Wiseco
Freno: PM
Camme: Stock
RUOTA POSTERIORE
Accensione: Stock
Cerchio: H-D FLH
Carburatore: Keihin
Pneumatico: Avon 5.00/16
Scarichi: Mori Moto Drag Pipes
Freno: Tolle disco corona
TRASMISSIONE
ACCESSORI
Manubrio: Mori Moto
Cambio: Stock
Parafango: H-D modificato Mori Moto
Primaria: Stock
Frizione: Stock
Serbatoio benzina: H-D 8 lt.
TELAIO
Sella: Wild Hog
VERNICIATURA
Anno: 2010
Eseguita da: 3C Cremona
Costruttore: Wishbone
Tipo: Rigido
Colore: nero e marrone