Quando l'ho visto per la prima volta, se devo essere sincero, dubitavo sulle sue qualità motocicliste, quando invece l'ho visto all'opera su quel "ferraccio" che si chiama Ruvida ho dovuto ammettere che pochi sanno maneggiare una moto come sa fare lui, sembra un tutt'uno con essa.

Il suo alter ego è smisurato quanto i getti del suo carburatore, perfino Willie G. nel suo garage ha tappezzato le pareti con le foto trovate su Freeway dove Shorty fa da testimonial alla concessionaria di Albavilla, l'unica che brilla, come dice un certo Mastro Lindo proprietario di un V-Rod del centenario.

Riesce ad impennare tutto l'impennabile dalla Ruvida allo sporty della Romy al fiorino dell'ambulante che gli passa sotto casa.

Dotato di un senso dell'umorismo innato e di una buona dose di auto ironia, è spesso al centro dell'attenzione e motivo di divertimento, riuscirebbe a strappare un sorriso anche ad una statua.

Quando vede il Vikingo  o Serpella ad un semaforo gli viene l'orticaria e come l'incredibile Hulk ha una metamorfosi, gli spuntano i razzi vettori sotto le ascelle ed il suo profilo si ridisegna come se fosse in una galleria del vento.

Nei suoi momenti di intimità prima di accoppiarsi ha bisogno di scaldare le gomme e non si ferma fin quando non gli sventolano una bandiera a scacchi davanti al naso.

Sulla testata del letto la sua ragazza vi ha fatto scrivere "se sei incerto, tieni aperto".

Non lasciatevi ingannare da quel fare da moderno saltimbanco e da quei modi da burlone, quando sarete in difficoltà avrete modo di capire come è fatto il vero Shorty.

 

Corrado


La nostra intervista:

 

RdT: Chi sei e di cosa ti occupi?

Shorty: Sono Marco, mi occupo di "giocattoli cromati".

 

RdT: Come sei approdato nell'universo Harley?

Shorty: Alle Harley, fisicamente sono arrivato da sei anni, ma nella testa un po' prima.

Una grossa spinta (non fisica), l'ho avuta da una persona a me cara, che ora è il Director del Dei Laghi.

Quando lo conobbi, lui aveva già il ferro sotto il culo e da quel momento la voglia di essere "uno di loro" diventò frenetica. Assieme a lui ho pellegrinato tra concessionari e alla fine sono stato chiamato da quello che sarebbe stato il mio sporsterino.

Il tutto, appena a 500 metri da casa mia. Da allora il mio modo di vivere è cambiato radicalmente.

La velocità però ce l'ho nel sangue fin da piccino. In casa mia l'odore della benzina era all'ordine del giorno.         

Non è da tralasciare poi la mia passione per le cose a stelle e strisce. Da giovane ho giocato per undici anni a football americano e da una trasferta americana del 1986 sono "dipendente da nitrometano".         

         

RdT: Tu sei sponsoring dealer e road captain di un chapter, il Dei Laghi, dammi un tuo pensiero su questa organizzazione.

Shorty: Ti dico la verità, a me di pezze e cariche mi importa ma non più di tanto.

Preferisco sapere che prima di far parte di un chapter, gruppo, comitiva ecc. si è legati dall'amicizia, valore che per me è importantissimo.

        

RdT: Sento a volte delle critiche sulla poca professionalità e disorganizzazione di alcuni concessionari H-D, trovi motivate queste critiche o le rigetti in toto? Non hai l'impressione anche tu che a volte ci sono alcuni personaggi che si cimentano in questa attività senza averne la preparazione tecnica?

Shorty: Posso solamente parlare per me stesso! Se non so fare una determinata cosa non mi vergogno a chiedere aiuto a chi ne sa più di me, perché tengo sempre presente che ho a che fare con mezzi di trasporto che, se pasticciati, possono causare danni ad altri cristiani.

Per quanto riguarda la preparazione tecnica dei meccanici H-D, tieni conto che mamma Harley tiene corsi di formazione e aggiornamento, e il dealer "caga" 100 eurini al giorno per ogni meccanico e alla fine dei corsi vengono dati dei voti. Ne va di conseguenza che se il mio voto è basso, primo: ho fatto spendere dei soldi al mio titolare, secondo: ho una lacuna che viene registrata sul mio curriculum...          

 

RdT: Altro punto dolente, molti acquistano i ricambi ed accessori H-D direttamente negli States in quanto sono meno cari di quelli venduti in Italia, sai dare una spiegazione? Trovi giusta questa differenza?

Shorty: Tasse, dazi vari, trasporto e quant'altro. Basta come spiegazione?

 

RdT: Spendiamo migliaia di euro per una moto che va più piano delle altre, pesa una tonnellata in più, fa più rumore, quando ci sei seduto sopra ti sembra di essere seduto sulla tazza del water... ma allora siamo proprio così grulli da farci infinocchiare?

Shorty: Sai bene, il nostro è un mondo a parte. Per non parlare poi della passione.

Conosco gente che colleziona modellini dei cartoni animati giapponesi che davano in tv qualche anno fa: Gig, Dytan ecc... ha speso una follia per averli per poi relegarli in un angolo del garage...

 

RdT: Che moto hai guidato fino ad ora? Ed attualmente qual è il tuo ferro?

Shorty: Ho guidato di tutto! Ora e credo per moooolto tempo ancora sono schiavo di un FXR del '94, che di originale ha i numeri del telaio...

  

RdT: Se avessi la possibilità di guidare la moto dei tuoi sogni quale sceglieresti?

Shorty: Senza dubbio un coso lungo tre metri e mezzo che sputa fiamme verdi e ti fa lacrimare gli occhi se gli vai vicino.

 

RdT: Preferiresti che si dicesse di te: 1) E' un manico in moto. 2) E' un bravo meccanico.

Shorty: Che sono un manico non è vero e che sono un bravo meccanico... beh, spero di diventarlo...

 

RdT: Cosa ne pensi dei modelli 2006 H-D?

Shorty: Su tutte prediligo la Street Glide.

 

RdT: La passione per le H-D ti ha fatto avvicinare a molte persone, ce ne sono alcune che reputi amici?

Shorty: Essere mio amico è facile, sono talmente coglione che se ti vedo tre volte ti giudico mio amico. Ma essere amico di Shon è come essere sangue del suo sangue.

E sono pochi quelli che possono chiamarmi Shon!!!

         

RdT: Una volta ti si leggeva più spesso sul Fi-Forum, ora latiti un poco. Visto che ultimamente, spesso, i vecchi del forum sostengono che è cambiato, tu cosa ne pensi, a cosa è dovuto questo cambiamento e quale è?

Shorty: Argomento che meriterebbe un fiume di parole!

Il forum io lo vedo come un attimo di relax, una valvola di sfogo, un bar virtuale dove scambiare due chiacchiere, non un posto dove andare a rompere le palle!

Soprattutto è una maniera di comunicare con gente che vedi poco e che ti piace sentire vicino quando ne hai bisogno.

Se poi desidero dire loro che gli voglio bene lo devo poter fare senza che nessuno possa mettere in dubbio le mie parole!!!

Io poi devo molto al forum perché grazie ad esso ho conosciuto gente che è come me...

Per non parlare poi del fatto che sul forum ho incontrato la donna che sarà la madre dei miei figli...

Un'ultima parola la voglio spendere dicendo che se scrivi a qualcuno sul forum dicendogli "non sei nessuno", attento... prima o poi quella persona te la trovi di fronte e ci sbatti pure il muso!!!

         

RdT: Qual è il viaggio che più ti ha emozionato? E invece quello che vorresti fare?

Shorty: Quello di ieri... quello di domani...

 

RdT: Dove ti piacerebbe vivere? 

Shorty: Sto bene dappertutto ma se dovessi scegliere... Las Vegas!!!

 

RdT: Donne ed H-D come vedi il binomio? Come biker naturalmente...

Shorty: Non ho alcun pregiudizio, conosco ometti che sono dei fermi paurosi e donne su degli Sporty che ti sverniciano...

 

RdT: Una serata con Valeria Mazza o battere il Vikingo sul quarto di miglio?

Shorty: La Mazza? Come dice il Monta "è uno sgabello".

Battere Leo sul quarto di miglio? Lo lascerei vincere per poi ri-sfidarlo e vincere per poi concedergli la rivincita sapendo di perdere e via via fin quando sfiniti il sole tramontando ci dirà: "guarda lì... sti due amici nemici per la pelle!!!".

 

RdT: E' vero che per concentrarti prima di un rapporto sessuale hai fatto installare sulla testata del letto i cronometri della Jagger, al posto del crocefisso una bandiera a scacchi e sei sempre in contatto radio con Tack ai box?

Shorty: Chi cazzo ha fatto la spiaaaaaaaaaaaaa???

 

RdT: A volte ci racconti dei tuoi exploit fisiologici, ma perché tieni il computer in bagno?

Shorty: Chi ti ha detto che la faccio in bagno???

 

RdT: Al nastro di partenza il Vikingo, Serpella e te, chi la spunta? E chi è il più lento?

Shorty: Piuttosto si muore tutti e tre, non sia mai detto che tra noi ci sia un vincitore!!!

A proposito, serpellaccio maledetto, sto dimagrendo e la Ruvida sarà presto in ulteriore aggiornamento...

   

RdT: Il Dei Laghi ha cambiato il direttivo, a parte il Tack che stava per scatenare un incidente diplomatico con il Mediolanum per la "prima vera uscita", cosa ne pensi dei tuoi ragazzi?

Shorty: Il Dei Laghi è, prima di tutto, un gruppo affiatato di amici con a capo il mitico Elvis...

 

RdT: Cosa deve trasmettere secondo te un viaggio in moto?

Shorty: Solo ed esclusivamente libertà e senso di calma interiore.

 

RdT: Riassumi in una frase una tua filosofia di vita

Shorty: Chi non mi vuole non mi merita!!!

 

RdT


Up