WEBCHAPTER SUMMER FEST 2010

Sardegna, 11-13 giugno 2010

Quando qualche mese fa decisi di partecipare ai festeggiamenti per il 10° anniversario del WebChapter in Sardegna, non avrei mai immaginato di dover raccontare due giorni splendidi trascorsi insieme gente splendida e posti meravigliosi.
Le emozioni si sono susseguite vertiginosamente dalla partenza al rientro (oddio il rientro forse un po’ meno...), ma andiamo con ordine.

Il viaggio di andata
Partenza fissata per le 20.30 a Bari, da “veri biker” decidiamo di affrontare il viaggio in notturna sino a Civitavecchia dove l’indomani mattina alle 9.00 ci aspettava il traghetto che ci avrebbe portato in Sardegna, l’idea era di affrontare con calma il viaggio in modo da arrivare al porto un paio d’ore prima dell’imbarco, ma vuoi la temperatura piacevolissima, vuoi il cielo stellato che sovrastava le nostre moto, vuoi lo strano feeling che si era creato tra noi e le nostre moto, alle 2.00 circa eravamo a 60 km da Roma. Ed è qui che ho pensato “Ma perché non fare un giro a Roma?”, ci fermiamo a far rifornimento e comunico la mia idea ai miei due compagni di viaggio, che entusiasti rispondo “ANDIAMO”!
Abbiamo trascorso un paio d’ore indimenticabile nella Capitale, passando dal Colosseo al Vittoriano sino ad arrivare a piazza San Pietro con un unico comune denominatore, la pace e la tranquillità che regnava intorno a noi. Ho visitato svariate volte Roma, ma questa credo che la ricorderò per sempre, non riesco a spiegare a parole le emozioni che ho provato, c’è solo un modo per scoprirlo e cioè provarlo.
Raggiunta Civitavecchia ci tocca aspettare qualche ora prima dell’imbarco, ma per fortuna già sul molo si inizia a respirare l’atmosfera dei due giorni di festeggiamenti che ci aspettano, infatti sul molo e successivamente sul traghetto si susseguono incontri con nuovi e vecchi amici provenienti da tutta Italia e la WebChapter Fest inizia ancor prima di sbarcare in Sardegna!!!

L’arrivo in Sardegna
Dopo quasi sei ore di traghetto finalmente sbarchiamo ad Olbia e si parte per Arzachena alla ricerca del villaggio. I 30 km che ci divido dal villaggio sono stupendi, si passa attraverso paesaggi incantevoli, il sole picchia forte sui nostri caschi, ma le emozioni e l’adrenalina che questi paesaggi ci trasmettono ci fa dimenticare qualsiasi sofferenza.
Arriviamo al villaggio giusto il tempo di posare i bagagli e siamo in spiaggia per un bel bagno rilassante, dopo aver salutato gli amici che già dal mattino avevano preso posto in spiaggia... Tra un bagno e l’altro e tra un Aperol Spritz e l’altro arriva sera e dopo cena tutti in discoteca a ballare e scatenarsi, per chi è propenso a questo tipo di attività, per chi come me è un tantino pigro è l’occasione giusta per dare finalmente un volto ad un nick o per conoscere meglio chi già si è avuto modo di conoscere in altre occasioni.

Il run della Costa Smeralda
Sabato mattina sveglia presto per il run della Costa Smeralda, alle 7.30 ci svegliamo col sound delle moto che passano per andare a far rifornimento. Ci prepariamo di tutto punto e ci avviamo al punto di incontro, di li a poco decine di moto si sarebbero allineate per la partenza creando un lungo serpentone di “ferri” luccicanti e colorati. Ore 9.30... PARTENZA!
Il serpentone, composto da oltre 100 moto si muove, passando attraverso paesaggi incantevoli e profumi inebrianti che la Costa Smeralda ci offre, per poi far tappa a Porto Cervo dove il serpentone si ferma per una breve visita, c’è chi ne approfitta per un aperitivo o per qualche foto qua e là...
Si riparte da Porto Cervo per raggiungere Arzachena dove ci aspetta un pranzo a base di prodotti tipici e vino locale! La giornata prosegue all’insegna del buon cibo e del buon vino e soprattutto all’insegna della buona compagnia, c’è chi organizza addirittura il famoso gioco del fazzoletto a cui partecipano “grandi” e “meno grandi”.
Nel pomeriggio rientro al villaggio per un aperitivo e qualche altra ora di relax in spiaggia, per poi incontrarsi tutti nell’anfiteatro per la consegna delle patch commemorative del 10° anno del WebChpater, chiaramente non poteva mancare il discorso “commovente” dell’amministratore del forum (Basman) che con poche parole è riuscito a racchiudere quello che è lo spirito che unisce così tante persone e cioè “la passione per le moto” e “la voglia di stare insieme” a prescindere dall’area geografica di provenienza o dall’estrazione sociale.

Il rientro
Come tutte le cose belle durano poco, purtroppo è già ora di ripartire e a malincuore dobbiamo salutare tutti gli amici conosciuti in questi due splendidi giorni con la promessa di rivedersi il prima possibile.
Il nostro rientro è stato un tantino “tribolato”, per dirla come un note utente del WebChapter, oltre alle 9 ore di traghetto (ritardo di quasi 2 ore) abbiamo dovuto affrontare il viaggio di ritorno da Civitavecchia a Bari con annesso traffico della domenica e siamo rientrati a casa intorno alle 3.30 di notte, ma se mi chiedete se lo rifarei vi rispondo “Lo rifarei 1000 e 1000 volte ancora!!!”
In conclusione permettetemi di ringrazia il WebChapter senza il quale tutto questo non si sarebbe potuto realizzare, ma anche i miei due compagni di viaggio Sergio e Ambrogio senza i quali questo viaggio non sarebbe stato così fantastico, GRAZIE!!!

Testo e foto: Fabio (Bafio)


^