PSYCHO END PARTY

by Psycho Biker Pub


27 settembre 2008

Solo uno scriteriato o un pazzo furioso potrebbe organizzare un party motociclistico in concomitanza e nelle immediate vicinanze ad un evento di importanza assoluta quale l’Hog European Rally in svolgimento nello stesso fine settimana nella provincia Bresciana. Lui, Michele dello Psycho Biker Pub c’è riuscito, confermando caso mai ce ne fosse ancora bisogno la follia creativa ed imprevedibile che ha questo ragazzo.
Noi naturalmente che siamo più pazzi e scriteriati di lui ci siamo andati dietro con tutte le scarpe, organizzando un run in notturna di una trentina di chilometri, in una fredda seppur limpida serata di inizio autunno, cha ha visto partire da Brescia una quarantina di assatanati che hanno messo a ferro e fuoco tutti i tranquilli paesini attraversati dalle proprie rombanti Harley-Davidson rigorosamente molto poco stock.
Molti i bikers che abbiamo trovato al nostro arrivo nel piazzale antistante al locale, è proprio vero quando si tratta di far festa nessuno vi rinuncia tanto facilmente. Quindi anche noi “con enorme sacrificio” ci siamo fatti trascinare dall’atmosfera, fatta di carne arrostita alla griglia, rock servito freddo da due band scatenate, specie i Manara il cui vocalist e front man fa uno show nello show che merito di essere ammirato.
Interessante anche il fuori programma che Michele ha regalato agli amici intervenuti, ma qui essendo ancora in fascia protetta è meglio che evitiamo di scendere in dettagli e particolari alquanto piccanti. Buona la presenza di alcuni stand tra cui quello delle ragazze di Rumble Street con il solito bel campionario di abbigliamento Vintage e Rockabilly.
Comunque tanto per ribadire che il ferro si deve battere finché è caldo, la settimana prossima e precisamente l’otto dicembre lo Psycho sarà teatro di una nuova entusiasmante festa, quella del primo anniversario dell’apertura e da quel che si sente dire in giro Michele si è proprio superato, quindi non ci resta altro da fare che “soffrire” la notte sarà molto lunga ma sopra tutto non fermate quel maledetto Juke Boxe e Michele portaci un’altra birra.

Testo e foto: Corrado




^