Ci sono mattine in cui non vorresti saltar giù dal letto neanche se ti pagassero, di inforcare una moto poi meno che mai. Non oggi però, a Milano è stata indetta una manifestazione per protestare contro il provvedimento che stanno preparando in Regione Lombardia che vedrà bloccare la circolazione ai motoveicoli pre-euro, o meglio denominati euro 0, dal luglio 2007.

Il tam-tam sui siti internet è iniziato, i bikers promettono battaglia. ”Fight for your right”, combatti per i tuoi diritti, ed è proprio il caso di dimostrarlo, finalmente vedremo di che pasta siamo fatti, calare le braghe davanti a questa decisione che ci vorrebbero imporre non ci darebbe molto onore.

Uno sguardo al cielo, promette acqua, te pareva, all’appuntamento gli irriducibili Lorenzo, Aldo e Nicola Bottazzi redattore di Bikers Life e Noise, una stretta di mano veloce e via, si parte.

Prima sosta all’area Sebino, ad attenderci i ragazzi dello Sbarbari Klan. La pattuglia si ingrossa e a circa metà percorso, dopo aver raccolto altri amici motociclisti inizia a piovere. Fine e costante, la pioggia ci accompagna fin dentro Milano, non c’è tempo per mettere l’antiacqua, si strige i denti e si prosegue.

In Piazzale Loreto ci aspettano gli amici del Webchapter è un bel gruppo ed ora, dopo i saluti e gli abbracci di rito, si fa sul serio il palazzo del Pirellone è nei nostri monitor. Ci siamo.

La piazza antistante il palazzo della regione è già un brulicare di moto, di tutti i generi, l’acqua intanto continua a cadere aumentando il disagio dei presenti.

Poco dopo, vediamo arrivare da lontano una colonna di moto, saranno 150, in testa Lory degli Hells Angels ed a seguire tutti gli MC della Lombardia, i Patch club e molti free bikers venuti anche da molto lontano. Ammirevole il loro comportamento a sostegno della causa e la loro presa di posizione è stata di molto aiuto, come era giusto che fosse, i bikers devono saper creare un fronte comune se vogliono poter affermare i propri diritti, così come avviene anche in altre nazioni, alle parole devono sempre seguire i fatti.

Le “aquile dorate” invece, eccezion fatta per qualche amico del Torino, hanno spiegato le loro ali verso altri lidi, gli altri invece sotto le coperte, peccato, sarà per un’altra volta, si dice così per un’ appuntamento mancato... vero?

Una persona che mi ha fatto piacere incontrare e con cui mi ero sentito la sera prima, Roberto ” threepercenter” Parodi, bagnato fradicio rigorosamente in jeans e caschetto bandit, ci dice dell’incontro, o meglio dell’imboscata, che ha tirato a Formigoni ad un galà di beneficenza due sere prima. Messo con le spalle al muro dal Parodi, che armato di tabelle e dati, confutava il fatto che gli euro 0 erano più inquinanti di alcune categorie di veicoli ammessi alla circolazione.

Che dire invece della manifestazione in se stessa, organizzata dal Motocivismo e dal Coordinamento motociclisti, se guardiamo ai numeri dovremmo utilizzare due ottiche, quella del bicchiere mezzo vuoto o del mezzo pieno.

In effetti, se consideriamo la giornata piovosa (ma non si è mai detto che doveva essere una passeggiata al mare), la piazza poteva essere paragonata a mezza piena, buona l’affluenza tutto sommato. Se guardiamo la convinzione e la maturità che dovrebbe avere la nostra categoria, sempre pronta a lamentarsi contro questo e quello, invocando sempre la costituzione di un movimento bikers per combattere contro i soprusi, beh... allora lasciatemelo dire, di strada da fare ce n’è ancora molta.

Onore comunque a chi ha partecipato, alcuni venuti anche da altre regioni, Veneto e Piemonte in testa.

Se qualche appunto si può muovere all’organizzazione è per la  mancata “cattiveria e malizia” che avremmo dovuto mettere in questa giornata. Mancava un palchetto ed un microfono per esporre le nostre ragioni anche ai milanesi per far capire loro che non era un raduno del tipo birra e salamine e qualche blocco ai semafori si poteva attuare.

Però di buttare la croce addosso a chi si impegna e ci mette la faccia per il movimento, non me la sento, se errori ci sono stati ci devono far capire che cosa è necessario fare se saremo chiamati ancora in causa.

Dal canto loro anche alcuni politici hanno incontrato Formigoni il venerdì, per intavolare una trattativa e presentare degli emendamenti, con la promessa di essere ricevuti martedì 28 (giorno in cui si sarebbero decisi i provvedimenti). All'incontro, di cui potrete leggere a parte, ha partecipato anche l'assessore bresciano Fabio Mandelli, raccogliendo il nostro invito ed essendo un motociclista come noi, si è dato da fare portando il suo contributo.

La battaglia si preannuncia dura, ma le partite prima di tutto si devono giocare, scendendo in campo e giocandosele fino in fondo, la posta in gioco è alta.

 

Reportage e foto: Corrado

Le foto

 

Amici del webchapter

Barba e Nos

Beppe e Papà

casbah

Fabry e Giorgione

Filisporter

Gigio

Graziano Hot Whells

Lo Sbarbari Klan

Lory presid. Hells Angels (MI)

Lory presid. Hells Angels

Mandelli

Massicci ed incazzati quelli del webchapter

Nicola Bottazzi Noise-Bikers

Nicola e Lorenzo

Roberto Parodi

Torino chapter

Torino chapter

 

Up