20º FESTA BIKERS

Cologno al Serio (BG), 26 agosto 2017

Inarrestabile e contagiosa sono due termini che ben si addicono per descrivere il successo che questo evento sa suscitare ogni anno di più, specialmente se come accadde in quest’edizione, si celebra il ventennale della “Festa” per eccellenza.
Ci aspetta una giornata molto movimentata, il clima è torrido e le spine delle birre lavorano a pieno regime, immensa l’area del motoraduno ogni anno si allarga a dismisura per far posto a tutte le attrazioni che condiscono questo appuntamento di fine agosto.
Dopo il grande successo del debutto nel 2016 torna a furor di popolo il “muro della morte” The Wall of Death non ci sono più i Motorellos ma un pilota che non li fa certo rimpiangere. La zona customizer si va pian piano popolando, molti i bei nomi presenti quest’anno, vediamo il ritorno di Lorenzo Boccin e le riconferme di Gallery, Asso Special Bike, Doc Motorcycles, Matteo di Hazard, la “turbolente” crew di Custom Attack, PDF Motociclette e Nos Motorcycles.
Il bike show è coordinato da LowRide, ma un merito va anche a Lele di Emporium Motorcycles che da dietro le quinte è quello che si sbatte per metterlo in piedi, raccoglie sia moto di preparatori ufficiali che quelle dei non professionisti, alla fine se ne conteranno una bella trentina.
Tra le cose maggiormente apprezzate, è l’area Kustom Lab curata con molta passione e sapienza da Davide Aresi, molti gli artisti tutti di alto livello artistico che hanno impreziosito la Festa Bikers, che da soli vale già il prezzo del biglietto, che ricordiamolo va tutto in beneficenza.
La main street del raduno ad un certo orario sembra quella di Sturgis, con le dovute proporzioni e il dialetto che non è propriamente similare allo slang del South Dakota.
Due i palchi dove si esibiscono i gruppi, sul palco centrale si tiene il concerto di Phil Campbell and the Bastard Sons che fa il tutto esaurito e raccoglie un successo incredibile.
A seguire le premiazioni del Bike Show; Doc Motorcycles con una Guzzi veramente ben fatta, PDF con una moto dalla livrea interamente battuta a mano, Custom Attack con un mostro da oltre tre metri di lunghezza, Asso Special e la sua Lumaca Atomica che sta sbaragliano i contest a cui partecipa, il delizioso chopperino di Boccin tra il sacro e il profano e l’incredibile Legend di Gallery Mootrcycles che ottiene un meritato “best in show”.
Cala il sipario su questa animatissima Festa Bikers, i ragazzi di Cologno al Serio hanno buttato l’anima per metterla in piedi e meritano tutta la nostra considerazione e stima, erano partiti tanti anni fa con due spine, dieci tavoli e venti panche sotto un temporale pazzesco ora organizzano uno dei più grandi motoraduni Italiani, senza chiedere niente a nessuno solo con le proprie forze. Un successo ampiamente meritato bisogna dargliene atto.

Testo e foto: Corrado


^