14° FESTA BIKERS
FIESTA GRANDE

Cologno al Serio (BG), 24-28 agosto 2011

Di strada ne hanno fatta parecchia questi ragazzi. La prima Festa Bikers di 14 anni fa fu un vero e proprio disastro. Pioggia battente per tutto il week-end e loro a ripararsi sotto un gazebo con gli unici due fusti di birra che non riuscirono neppure a essere venduti.
Forse sarà mancata la fortuna quella volta, ma una qualità che non ha mai abbandonato questi ragazzi della Bergamasca è la tenacia. Anno dopo anno con la loro determinazione hanno saputo far crescere il loro motoraduno, spesso rinunciando alle meritate ferie.
Molta acqua è passata sotto i ponti da quei “due fusti di birra” e il piccolo gazebo strappato dal vento.
Festa Bikers oggi è una macchina perfetta, un’organizzazione cui fanno capo un centinaio di volontari che si mettono totalmente a disposizione del nucleo storico dei fondatori.
Il lavoro, o meglio, la passione che anima questo gruppo ha portato a raccogliere in tutti questi anni quasi 100.000,00 euro che sono stati sempre devoluti in beneficenza è un segno tangibile del valore di queste persone. Arriviamo ai giorni nostri quindi recandoci anche quest’anno alla Festa. Qualcuno l’ha definito un piccolo Faker See in miniatura, e forse tanto pazzo non è.
Gli stand di merchandise non si contano più e anche la presenza di alcuni preparatori nel villaggio a loro dedicato è quanto di meglio abbiamo potuto ammirare.
La rivista Bikers Life con Micke Persello tiene le fila di un’avvincente Bike Show. Tra le migliori citiamo le prime tre classificate come Best Of Show.
3° posto per Wild Spirit , un chopper su base Pan costruito da Boccin Custom Cycles.
2° posto per la 199R di Asso Special Bike.
1° posto assoluto per Union, il sidecar di Samuele Reali alias Abnormal Cycles, rientrato da poco dagli States dopo lo splendido risultato ottenuto a Sturgis, con la vittoria nella categoria H-D Modified.
Indescrivibile la quantità di moto che si contava nell’area del raduno al calar della sera. Il villaggio dei preparatori intanto bruciava.
Burn Out all’ultimo sangue coinvolgeva Lorenzo Boccin, che non desisteva neanche quando la sua ruota era ormai esplosa. I ragazzi di Custom Attack e Carlo “Sangue”Colombo, poteva stare indietro? No di certo.
Tante sono le situazioni che si sviluppano alla Festa Bikers che diventa difficile star dietro a tutte, la consistenza del raduno è da grande evento.
I concerti del sabato hanno portato ad esibirsi sul grande palco gli On Off, una tribute band degli Europe c on Marcello and Europroject e per concludere, una cover band dei Ramstein, i Panzer Vespe.
E’ notte fonda quando abbandoniamo provati il raduno. Nel villaggio dei preparatori Luz, Frankie e tutta la ciurma stanno facendo baldoria. Noi ce ne siamo ritrovati in mezzo e per un attimo abbiamo temuto di non potervelo venire raccontare.
Grazie a Dio siamo ancora tutti interi e il consiglio che sentiamo di darvi è sempre quello, Festa Bikers, oggi come allora.

Testo e foto: Corrado


^