Reportage: FESTA BIKERS COLOGNO AL SERIO

 

 

Un Rebelòt

9^ Festa Bikers Cologno al Serio (Bg) 23/27 agosto 2006

 

Mi ricordo che l’anno scorso ci lasciammo un po’ male con i ragazzi di Cologno, nella giornata del sabato un autentico uragano d’acqua si abbatté sul raduno, penalizzando il lavoro degli organizzatori, che si trovarono a lottare anche contro gli elementi atmosferici avversi.

Quest’anno si è ristabilita un po’ di giustizia e se è vero che un Dio esiste, stavolta tutto si è svolto nel migliore dei modi.

L’area del raduno, anno per anno, vede la disposizione degli spazi sfruttati al meglio e già appena arrivati abbiamo capito che non era aria… annaffiati dal matto Matteo di O.S.M. che all’ingresso aveva tirato in piedi un bike wash, con tanto di diavoletta che si divertiva a spruzzare tutto e tutti.

Il pomeriggio se n’è andato con i giochi biker, magistralmente condotti da Jumbo e la visita alle numerose bancarelle presenti.

Nutrita la schiera dei preparatori, Area 76, Bonfanti moto alias Boot Hill, Cesco motor, Bepi moto, il mago Filippini di Kustom Drink Paint, Pablo Chopper & Custom e quel satanasso di Jerry Caronte ossia Custombike in persona, con due special di alta scuola.

Alcuni di loro si potevano vedere all’opera con un la costruzione di alcune parti speciali. Bonfanti alle prese con una carrozzeria in vetroresina. Tutto supervisionato dall’inflessibile Fabrizio “Sugar” Favre, nostra vecchia conoscenza, impegnato come giudice nel ricco contest, che quest’anno regalava la bellezza di 1.000,00€ alla best of show.

Interessante il bike show curato da Cristian “Turo” e dal “ Bastardù”, seduti nella loro postazione parevano proprio come i Blues Brothers dei tempi migliori.

Degni di nota i mezzi ammirati nel contest, che ha visto come vincitore assoluto lo splendido chopperino “Frisco Style” di Pablo Chopper & Custom, che si è aggiudicato anche il montepremi di 1.000,00€, evidentemente se questo mezzo è stato premiato anche al nostro Rombo di Tuono, una ragione ci deve pur essere, o no? Bravo Pablo la stoffa c’è.

Anche due street figthers cattivissime si facevano notare per la bellezza della realizzazioni, Matteo di O.S.M. presentava invece un WLA del 42 molto bello.

Come di consueto l’attenzione dei presenti si è catalizzato sugli incontri di kick boxing combattuti all’ultimo respiro e poi dal tatto contest, dove il migliore è stato premiato con 100,00€.

Particolarmente toccante lo spazio dedicato a tre amici recentemente scomparsi. Massi detto Sandonkan ucciso da un pirata ubriaco a metà luglio di ritorno da un raduno in val Camonica.

Berghem stroncato da un male incurabile e ricordato con una targa ritirata dal “Biond”. Sono rimasto molto colpito dal volto rigato di lacrime di quest’ultimo mentre scendeva dal palco, solitamente è uno dei più allegri e casinisti del gruppo. Questi fatti prima o poi ci toccano dolorosamente tutti, ma è sempre triste fuori misura piangere un amico o un proprio caro che non c’è più.

Favre invece ha ricordato una presenza molto forte, che quest’anno è mancata improvvisamente alla festa Bikers, di cui  era l’animatore principe. Il Venexian, personaggio conosciutissimo in tutto l’ambiente, scomparso a seguito di un incidente e per le sopraggiunte complicazioni di salute.

Commosso l’applauso del pubblico durante il minuto di raccoglimento in suo onore, mentre sul palco veniva esposta su tela un suo ritratto, eseguito da un’aerografista durante il pomeriggio, basandosi su una foto del Venaxian e regalato all’associazione trapiantati di fegato.

La serata veniva conclusa dalle affascinanti ragazze del sexy bar di Corrado Fumagalli, dando così il colpo di grazia ai malcapitati bikers.

Va in archivio nel migliore dei modi questa spettacolare ed emozionante Festa Bikers, l’anno prossimo si festeggerà la decima, non mancheranno le sorprese da Fausto & Company, i quali anche quest’anno doneranno come sempre un buona parte del ricavato all’ Associazione Cure Palliative di Bergamo e mai come quest’anno questa scelta è stata sentita da tutti in maniera forse ancora più forte degli anni passati.

Complimenti ai ragazzi della Festa Bikers, anno dopo anno riescono a mantenere quella determinazione indispensabile per la buona riuscita della loro manifestazione, diventata molto importante, sia come numero di presenze, sia come qualità di valori espressi.

 

Corrado


.

Up