BIKINI BENEFIT 2009

18-19 luglio 2009

Il Bikini Benfit dista da noi circa 300km quando all’alba di una domenica di metà luglio ci si ritrova davanti allo Psycho Pub, si azzera il contachilometri, un cenno di intesa e la frizione che stacca, si parte, come un aereo che rulla sulla pista prima di staccarsi da terra, si tira il fiato e si imposta la prima curva. E’ andata.
L’aria è frizzante ed il cielo sembra una latta di vernice color mare, non capita spesso di vederlo così nel’umida terra Padana. Come niente ci lasciamo alle spalle anche Verona, la Transpolesana è deserta, un’invito troppo sensuale da poter lasciar cadere, si affonda col gas il resto non conta.
A Ravenna sembra che il mondo si sia dato appuntamento nello stesso luogo ed istante, il caldo che sale dall’ asfalto e dai radiatori delle auto in colonna misto alla puzza di gasolio e gomme è micidiale. L’originalità dell’esssere umano lo capiamo allo svincolo di Mirabilandia, le legioni dei turisti domenicali come tante formiche intontite sono dirette tutte lì, mentre la strada davanti a noi torna ad essere terreno di conquista. Strano animale l’uomo, in gabbia per tutta la settimana al lavoro, ritorna ad essserlo pure di Domenica in fila aspettando il proprio turno per provare l’ultima diavoleria del divertimento artificiale.
Arrivati nel viale alberato del lungomare di Cesenatico capiamo anche noi di essere arrivati al nostro parco divertimenti, tutti in coda, il resto può attendere. Sgomitando ci buttiamo nella mischia, il sole è quasi allo zenith, ci vediamo riflessi nelle cromature più paonazzi e sudati che mai. Procedere per più di due metri per volta è quasi impossibile, si incontra sempre qualcuno, qualche frase di rito e poi via per altri due metri.
Prima di mezzogiorno apprendiamo che Danilo, il presidente dei Black Devils MC Coast Crew ha perso la vita in un’incidente stradale a pochi chilometri da qui, il gelo cala su tutto, il minuto di raccoglimento dura un’enternità, interrotto alla fine dalle solite frasi banali dello speaker dal palco, lo show deve continuare, si dice così o no??
Allineati ai lati della strada molti i preparatori ed Officine che hanno raccolto l’invito di Mario, storico organizzatore e proprietario del Cafè degli Artisti, qualche bella special, osservata sempre con superficialità dai visitatori attratti più che altro da altre forme più classiche.
Il clow arriva con l’arrivo di Riccardo Schicchi e la sua corte dei miracoli, le Nude Angels, gli occhi dei presenti si fanno più languidi, mentre per noi è arrivato il momento del rientro.
Domani Cesenatico tornerà quella di sempre, almeno fino al possimo Biker Bikini Benfit.

Testo e foto: Corrado


^