9° BIKERS FOR CHILDREN

21 dicembre 2014

Anche quest’anno non ci potevamo sottrarre a quello che nel cuore di molti bikers bresciani rappresenta un appuntamento irrinunciabile, in particolar modo per la finalità di questa iniziativa, a marchio Rombo di Tuono ma che da un paio d’anni vede coinvolti anche il gruppo Rumors cui quest’anno si sono aggiunti I Santi.
Domenica 21 dicembre come consuetudine ci siamo dati appuntamento in una piazzetta del centro città, in quella che ormai è considerata la base di partenza di ogni nostra scorribanda, la giornata è radiosa e il tam tam dei nostri aficionados ha fatto sì che l’affluenza dei bikers superi in breve tempo il centinaio di moto, si decide di partire abbastanza in fretta per evitare l’insorgere di problemi alla viabilità.
Le vie del centro non sono affollate, è ancora presto i negozi sono ancora chiusi, la prima tappa ci vuole a Casa Ronald, dove i bambini sono ospitati prima e dopo l’intervento di trapianto di midollo. I piccoli che troviamo nella struttura sono due: un maschietto e una femminuccia. Il primo in particolare è notevolmente attratto dalle moto, sudiamo le proverbiali sette camicie per trattenerlo nella saletta dei giochi, fino a quando non appoggiamo sul tavolo della stanza qualche giocattolo per ottenere la sua attenzione.
Muovere tutte le moto nel piccolo e ripido cortile di Casa Ronald non è stato per nulla semplice, ma grazie alla grande pazienza degli amici bikers tutto va per il meglio e la carovana si può rimettere in movimento verso il vicino Ospedale Civile, seconda e ultima tappa. Qui potremo entrare solo in piccoli gruppi nei reparti di oncologia pediatrica infantile che ospitano i bambini ricoverati, vengono prese tutte le precauzioni possibili al fine di salvaguardare le loro precarie difese immunitarie. Non si è mai abbastanza preparati a quello che s’incontra in quel reparto e alcune situazioni ti stringono il cuore. Grande l’umanità che i bikers intervenuti hanno saputo portare in quelle asettiche camerette, alcuni bambini erano davvero molto piccoli e suscitavano veramente molta tenerezza.
Non tutti sono potuti entrare in reparto, molti sono rimasti pazientemente ad aspettarci sotto la scalinata dell’Ospedale dove i volontari dell’Associazione Immunodeficienze Primitive Onlus A.I.P. aveva provveduto ad allestire un piccolo banco di ristoro con caffè e tè caldo, panettoni e pizzette.
Eseguita anche la consegna dei doni in ospedale, prima dei saluti e degli auguri di rito si è svolta la consueta sfilata per le vie del centro, stavolta affollatissimo di passanti impegnati nello shopping natalizio.

Ci teniamo in particolar modo a ringraziare: il Centro Commerciale le Porte del Garda di Gavardo per le agevolazioni sull’acquisto dei giocattoli, un anonimo che ha donato parecchi giocattoli, la pattuglia acrobatica dei I Santi che ci ha condotto in sicurezza per le vie del centro, il gruppo Rumors di Brescia, I Santi e naturalmente tutti gli amici bikers che si sono prestati per un giorno nelle vesti di improbabili e goffi Babbi Natale, riuscendo a strappare un tenero sorriso a bambini che stanno attraversando un momento molto delicato delle propria esistenza.

Testo e foto: Corrado





^